Diocesi di Concordia - Pordenonelogo Dove siamo
Home
A+ | A-
 Caritas » Volontariato 

Volontariato   versione testuale

C'è sempre spazio per nuovi volontari: per chi fosse interessato a prestare la propria opera in uno dei servizi Caritas, si consiglia di presentarsi nella sede in via Madonna Pellegrina 11, di telefonare allo 0434 546811 o di inviare una mail a caritas@diocesiconcordiapordenone.it, per fissare un appuntamento per il colloquio.
 
Il volontario oggi
In una società sempre più complessa e competitiva il volontario è colui che sceglie di andare contro corrente e di stare in prima linea contro il disagio sociale e le povertà. Il volontariato è riconosciuto oggi come una delle realtà più stimolanti e significative della vita civile: lo suggerisce anche l’articolo 2 della Costituzione, esprimendo il principio della solidarietà collaborativa tra i cittadini, che ha come presupposto la rimozione degli ostacoli alla piena realizzazione umana e sociale di ogni singolo cittadino.
Dopo il Concilio Vaticano II è cambiato anche il ruolo dei cattolici nella società: si è proposta una riflessione per superare le prospettive ristrette del volontariato come assistenzialismo, per mettere in primo piano l’idea della promozione umana dei destinatari del servizio volontario.
Impegno qualificato e qualificante, il volontariato si è fatto strumento per rendere più consapevoli sulle cause della povertà e sui meccanismi dell’emarginazione, riscoprendo l’importanza dell’impegno del cittadino per favorire una trasformazione culturale e sociale necessaria per rimuoverne le cause.
Così i volontari hanno raggiunto una maggiore consapevolezza del loro ruolo, che si svolge all’interno della società: essi si prendono in carico la promozione dell’impegno civico nel territorio in cui vivono, influenzando e lavorando per trasformare le politiche sociali a livello locale e nazionale, perché il proprio impegno non è isolato, ma a fianco delle istituzioni, per agire insieme in modo organizzato e comunitario, quindi non in modo episodico e individuale.
Il volontariato italiano ha acquisito una identità nuova, che lo rende fermento sociale, diffuso, teso a valorizzare le potenzialità di ogni persona, e per questo diventa motore di crescita umana e culturale nei contesti in cui opera. Il volontario si prende cura di chi si trova nel disagio in una prospettiva di autentica promozione e sviluppo umano e sociale: ciò lo caratterizza rispetto ad altre forme di impegno sociale.
La novità ulteriore del volontariato è che porta all’interno della società una proposta di gratuità, in un contesto che non sembra per nulla favorirla: e questa proposta ha un suo valore e peso culturale, che si riflette sulle politiche sociali e nello sviluppo sempre crescente del terzo settore.
Importante è anche il senso di responsabilità che pervade il volontario, nei confronti della società e delle persone più svantaggiate che vi vivono, e questo è sentito in modo particolare da chi vive il volontariato come conseguenza diretta di una testimonianza di fede che fa riferimento alla carità di cui ha dato esempio Gesù Cristo.
stampa paginasegnala pagina