Diocesi di Concordia - Pordenonelogo Dove siamo
Torna al sito della Diocesi
A+ | A-
 Pastorale Sociale - Lavoro - Salvaguardia del Creato » Altre notizie » Passi di pace: un cammino disarmante 

Passi di pace: un cammino disarmante   versione testuale


Gennaio 2021

 
Iniziative della Diocesi di Concordia-Pordenone
per l’evento interdiocesano Passi di Pace
Quinto Passo – Sperare
22 gennaio 2021

La Diocesi, attraverso la Commissione per la Pastorale Sociale e altre associazioni laicali come ACLI, Azione Cattolica e AGESCI zone Pordenone e Tagliamento, ha predisposto una serie di iniziative all’interno del percorso interdiocesano Passi di Pace per la giornata di venerdì 22 gennaio, giornata in cui entra in vigore il Trattato internazionale sulla proibizione della armi nucleari, enorme speranza per tutta l’umanità.
Essendo venerdì 22 gennaio pienamente inserito nella Settimana di Preghiera per l’Unità dei Cristiani, alcune iniziative si avvalgono della collaborazione della segreteria delle Chiese cristiane di Pordenone e Portogruaro.
 
 
 
Videomessaggio del nostro Vescovo per l’entrata in vigore del trattato
 
Sul canale YouTube della Diocesi è disponibile il videomessaggio del nostro Vescovo in occasione dell’entrata in vigore del trattato.
In aggiunta a questa iniziativa, e in comunione con altre diocesi del Triveneto, la Commissione per la Pastorale Sociale ha chiesto alle parrocchie della diocesi di suonare le campane a festa alle ore 12.00 di venerdì 22.
 
 

Pace al Decollo
 
Sempre alla stesa ora, alle 12.00, presso la base USAF di Aviano e in contemporanea presso le basi di Ghedi e Cameri, c'è stata una azione simbolica portata avanti da alcuni rappresentanti del coordinamento, ovvero la consegna di un dono simbolico al comandante della base sulle parole del messaggio del Papa per la Giornata Mondiale per la Pace.
 
L'iniziativa presso la base USAF di Aviano è stata annullata, causa emergenza Covid
 
 
 
Giochi di Pace: gioco-dibattito sul trattato per la proibizione delle armi nucleari
 
La registrazione della serata è disponibile sul canale YouTube della Diocesi
 
A conclusione della giornata, alle 20.30, è stato organizzato Giochi di pace. Gioco-dibattito sul Trattato internazionale sulla proibizione delle armi nucleari (non ratificato dall’Italia).
Oltre all’unità si è pensato che la pace possa essere un altro tema per unire le intenzioni di tutte le chiese cristiane al fine di dare maggiore frutto, per cui si è voluto coinvolgere anche la Segreteria delle chiese cristiane di Pordenone e Portogruaro, che cureranno il momento iniziale di preghiera.
Il titolo dell’incontro Giochi di pace nasce dal desiderio da un lato di accrescere la conoscenza sul tema pace e disarmo nucleare, dall’altro di trovare una modalità coinvolgente per i partecipanti alla serata, soprattutto in questo particolare momento. Il webinar sarà organizzato come un quiz, in cui le domande serviranno a stimolare le nostre conoscenze sull’argomento.
Sarà presente Lisa Clark, membro di Beati i Costruttori di Pace e segretaria del capitolo italiano di Major for Peace, che ha seguito da vicino la sua stesura come co-presidente dell’International Peace Bureau.
 
Link di accesso al webinar su piattaforma Big Blue Button:

 
 
Approfondimento
 
Il 22 gennaio 2021 entrerà in vigore il Trattato internazionale sulla proibizione delle armi nucleari (TPNW, https://www.un.org/disarmament/wmd/nuclear/tpnw/). Il Magistero della Chiesa ha sempre condannato l’uso dell’energia nucleare per scopi bellici. Già Pio XII definì la bomba atomica la più terribile arma ideata fino ad allora dalla mente umana. In occasione della Conferenza di negoziazione del Trattato (23 marzo 2017) papa Francesco parla di quel momento come un esercizio di speranza, con l’augurio che possa rappresentare anche un passo decisivo nel cammino verso un mondo senza armi nucleari. Sebbene questo sia un obiettivo di lungo periodo estremamente complesso, non è al di fuori della nostra portata.
L’entrata in vigore del TPNW è certo un successo e va attribuito a persone, enti, movimenti, associazioni, congregazioni e ordini religiosi che hanno assiduamente tessuto trame di pace.
Con sette Diocesi del Triveneto – Concordia-Pordenone, Belluno, Padova, Trento, Treviso, Vicenza, Vittorio Veneto – per il mese di gennaio, si è costruito un calendario di iniziative sulla pace, Passi di Pace. Un cammino disarmante, fatto di più appuntamenti sul tema del disarmo.
Il 22 gennaio numerose città italiane membri di Major for Peace (Sindaci per la pace) appenderanno sui palazzi municipali il manifesto di adesione alla Campagna "Italia ripensaci", volta a convertire il nostro Paese affinché ritrovi la coerenza alla sua tradizione pacifica e firmi il Trattato ONU di proibizione delle armi nucleari.
In alcune città, a mezzogiorno del 22 gennaio, le campane delle Cattedrali e delle Torri municipali suoneranno a festa per accogliere il trattato. Nella nostra Diocesi, dopo il suono tradizionale delle ore 12, la Cattedrale di Concordia Sagittaria, la Concattedrale di San Marco a Pordenone, i duomi e chiese parrocchiali di Aviano e di San Vito al Tagliamento suoneranno a festa per tre minuti, contando che altre parrocchie liberamente si uniscano al messaggio di pace.
Alla stessa ora presso la base USAF di Aviano, e in contemporanea presso le basi di Ghedi e Cameri, ci sarà una azione simbolica, sul filo del messaggio del Papa per la Giornata Mondiale per la Pace.
A conclusione della giornata è stato organizzato Giochi di pace. Gioco-dibattito sul Trattato internazionale sulla proibizione delle armi nucleari (non ratificato dall’Italia).



Segui la pagina Facebook di Passi di Pace, per essere aggiornato sulle iniziative interdiocesane.
 
 
stampa paginasegnala pagina