Diocesi di Concordia - Pordenonelogo
A+ | A-
 Home Page » Info Diocesi » Istituzioni diocesane » Archivio Storico Diocesano 

Archivio Storico Diocesano   versione testuale
   

Via Revedole, 1
33170 PORDENONE
Tel. 0434.221253 - 0434.221276
Fax 0434.524340
Orario di apertura: martedì, mercoledì, giovedì e sabato 9.00 – 12.00; venerdì 16.00-18.30
 
Direttore: don Chino Biscontin
Archivista: don Renato Martin
Addetta all'archivio storico: dott.ssa Paola Sist
 
L’Archivio storico della Diocesi di Concordia-Pordenone ha seguito le vicende della comunità cristiana, di cui è voce, nel suo itinerario: a Concordia prima, a Portogruaro poi (1586) e successivamente a Pordenone (1972), con il compito di testimoniare i vari momenti della vita della Diocesi, incertezze di percorso comprese.
Il documento più antico è una pergamena del vescovo Romolo, databile intorno al 1190. Questo primo documento è seguito da una lunga e copiosa serie di testimonianze che arrivano fino ai nostri giorni, quantificabili in 1763 pergamene, 881 registri, 5500 cartolari, 1450 stampe.
Tutto il materiale è ripartito per fondi: Vescovi (lettere pastorali, circolari e disposizioni, amministrazione della Mensa Vescovile), Curia Vescovile (nomine dei parroci, rendiconti delle parrocchie, processi sia in materia civile che spirituale), Capitolo della Cattedrale (atti capitolari, mansionerie, prebende, amministrazione), Visite pastorali (relazioni delle visite alle singole parrocchie), Archivi parrocchiali (48 quelli al momento presenti) confluiti a seguito del terremoto del 1976 e globalmente suddivisi in anagrafe, fabbriceria, attività e vita religiosa. Particolari settori sono ancora costituiti dalla Mappe, che presentano situazioni oggi non più esistenti o alterate e perciò fondamentali per lo studio del territorio, degli insediamenti e delle giurisdizioni, e da ultimo dalla Corrispondenza, che svela una galleria vasta e variegata di personaggi.
L’ubicazione in un’unica sede centrale e il regolare servizio di apertura favoriscono la presenza di laureandi e studiosi, con vantaggio della ricerca specie in campo storico-religioso.
stampa paginasegnala pagina