Diocesi di Concordia - Pordenonelogo
A+ | A-
 Home Page » In evidenza » I Vescovi del Friuli Venezia Giulia scivono una lettera in occasione della visita del Santo Padre 

I Vescovi del Friuli Venezia Giulia scivono una lettera in occasione della visita del Santo Padre   versione testuale

Facebook  Twitter  Technorati  Delicious  Yahoo Bookmark  Google Bookmark  Microsoft Live  Ok Notizie

Da Giovanni Paolo II a Benedetto XVI: il servizio di Pietro alla Chiesa
 
Durante l’ultima cena Gesù si rivolge personalmente all’apostolo Pietro con queste parole: "Io ho pregato per te che non venga meno la tua fede e tu, una volta ravveduto, conferma i tuoi fratelli" (Le 22,32).
La fede di Pietro e dei suoi Successori è custodita da una particolare preghiera di Gesù perché quella loro fede sia il riferimento sicuro per tutti i credenti che formano la Chiesa. Questo ministero o servizio, proprio di Pietro e dei Vescovi di Roma suoi successori, assicura l’unità della Chiesa, messa spesso alla prova dalle vicende della storia umana. Gesù tiene unito a sé il suo Vicario sulla terra perché egli, a sua volta, tenga uniti tutti i fratelli battezzati fondandoli sulla Roccia sicura che è Cristo e il suo Vangelo.
Abbiamo la grazia di vivere in un tempo della Chiesa nel quale appare in modo luminoso la verità delle parole che Gesù rivolse a Pietro. Ce ne sono testimoni i due ultimi Successori di Pietro: il Beato Giovanni Paolo Il e Benedetto XVI.
Uniti tra loro da una grande fede e da stima e amicizia reciproca, si sono trasmessi l’uno all’altro il ministero - ricevuto dai predecessori - di confermare nella fede i loro fratelli. Hanno svolto e stanno svolgendo questo servizio alla
Chiesa con una santità, una fedeltà e un coraggio che, in questi giorni, è sotto gli occhi di tutti.
Conserviamo viva nella memoria l’esortazione, quasi gridata, di Giovanni Paolo Il nella sua prima omelia: "Non abbiate paura. Spalancate le porte a Cristo. Ad essa fece seguire il gesto di alzare il crocifisso del bastone pastorale per indicare che suo unico ministero sarebbe stato quello di attirare sguardi e cuori solo verso Gesù crocifisso e risorto, unica Speranza degli uomini.
Con carità eroica portò avanti con le parole e la vita questo compito: il compito del Successore di Pietro.
Mentre la Chiesa riconosce la santità di questo suo Pastore, accogliamo nelle nostre terre Benedetto XVI che la Provvidenza ha chiamato a raccogliere il testimone di Giovanni Paolo Il. Egli quotidianamente conferma nella fede noi, suoi fratelli, con tale forza e coerenza evangelica che gli possono venire solo dalla preghiera di Gesù in quale continua a custodire il suo Vicario nella Chiesa.
Con umiltà dobbiamo confessare che anche nelle regioni del NordEst dell’Italia i cristiani hanno bisogno di essere confermati nella fedeltà a Gesù, al suo Vangelo e alla grande Tradizione cristiana che ha generato la nostra civiltà.
Seguiamo da vicino il passaggio del Santo Padre da Aquileia a Venezia perché porterà con sé la grazia, ricevuta da Gesù,
di ravvivare la fede di ognuno di noi e della nostra Chiesa di Udine.
 
+ Giuseppe Pellegrini
+ Andrea Bruno Mazzocato
+ Giampaolo Crepaldi
+ Dino De Antoni
stampa paginasegnala pagina