Diocesi di Concordia - Pordenonelogo
A+ | A-
 Home Page » Il Vescovo Mons.
Giuseppe Pellegrini
 » Visita Pastorale 2017-2020 

Visita Pastorale 2017-2020   versione testuale

   

 Carissimi presbiteri, diaconi, persone consacrate e fedeli tutti della Chiesa di Concordia-Pordenone, vi giunga il mio saluto più fraterno e cordiale nel Signore Gesù, sorgente della comunione e della nostra fede, speranza e carità. Apriamoci all’azione dello Spirito Santo e lasciamoci guidare dalla Parola di Dio, che ci fa crescere e ci fa portare buoni frutti nella vita, come la pioggia e la neve fanno bene alla terra e la rendono feconda (cfr. Isaia 55,10-11). Per dare unitarietà al cammino di preparazione e di attuazione della visita pastorale, ho scelto come icona biblica l’incontro di Gesù con Zaccheo, e in particolare l’invito che gli rivolge: “Oggi devo fermarmi a casa tua” (Luca 19,5). Gesù desidera incontrare Zaccheo e incontrarlo nella sua casa, con i suoi familiari. Dopo aver dato la luce al cieco che sedeva lungo la strada (cfr. Luca 18,35-43), entra in città. Non ha paura di incontrare le persone e di misurarsi con loro e con i loro problemi quotidiani. E’ l’atteggiamento di fondo che mi accompagnerà per tutta la visita. Viviamo anche noi oggi in un contesto non facile. Come Chiesa siamo invitati ad uscire e ad attraversare le nostre città, dove vivono e lavorano gli uomini e le donne, desiderosi di testimoniare la nostra fede e di impegnarci concretamente per il bene comune, nella costruzione di una nuova civiltà, la civiltà dell’amore. Mediante la visita pastorale desidero portare alle nostre parrocchie e alle comunità cristiane, piccole o grandi che siano, generose e impegnate e talvolta anche stanche e affaticate, la gioia del Vangelo e la speranza che è ancora possibile, anche ai nostri giorni, vivere e testimoniare il Vangelo, perché “siano ancora più vicine alla gente, e siano ambiti di comunione viva e di partecipazione, e si orientino completamente verso la missione” (Evangelii Gaudium, 28). Desidero fermarmi nelle vostre case, per accogliere e celebrare insieme il grade dono dell’amore di Dio.
stampa paginasegnala pagina